Blog LLS 3D

News Corsi e Consigli

SERVE IL TUO AIUTO PER FORNIRE VISIERE AGLI OSPEDALI DI TORINO

0

OBIETTIVO RAGGIUNTO, RINGRAZIAMO CHI CI HA SOSTENUTO E PER IL MOMENTO NON RITIRIAMO PIU’ LE VISIERE.

LLS 3D srl è un laboratorio di stampa 3D a Torino. Fino ad oggi abbiamo realizzato mediante la stampa 3D particolari meccanici, pezzi di ricambio, giochi, modelli e persino uno stand fieristico per una grande azienda aeronautica. 

In qualità di titolare di LLS 3D, convinta che la sicurezza della salute di medici, infermieri e di quanti sono impegnati in prima linea è un bene da preservare in un momento di emergenza come questo, ho deciso di impegnare tutte le nostre risorse per aiutare quanti si spendono per aiutarci.

Purtroppo i cosiddetti dispositivi di protezione individuale non abbondano. Si parla molto della mancanza di mascherine e guanti, ma c’è anche un altro dispositivo, altrettanto importante per evitare il contagio, e in questo momento non facile da reperire: la visiera protettiva.

Per questo abbiamo realizzato in collaborazione con le strutture ospedaliere di Torino un modello di visiera stampabile in 3D. 

Il 24 aprile abbiamo consegnato le prime 100 visiere all’ospedale Le Molinette

Il prototipo della visiera è scaricabile dal link sotto riportato da tutti coloro che vogliono darci una mano a produrre con una stampante a filamento i 1000 esemplari che servono all’ospedale. L’impegno richiesto a ciascuno di voi è quello di non utilizzare tale file a scopo di lucro.

Oltre al telaio, servono un foglio di plexiglas (noi utilizziamo le copertine trasparenti A4 per la rilegatura con spessore 240 micron), nastro di spugna alto 15mm e 35cm di elastico alto 7-10 mm.

I parametri di stampa utilizzati sono Temperatura 195-200 °C, Layer 0,25, infill 30%, no supporti.

La visiera va stampata utilizzando PLA, materiale facilmente reperibile e stampabile.

Le visiere realizzate possono essere recapitate a LLS 3D srl via Virle 0, 10138 Torino tutti i giovedì dalle 9,30 alle 13,00. Per informazioni potete scrivere a vivien@lls3d.it o chiamare il n° 342 775 48 65.

Dall’ospedale ci hanno comunicato che stanno ricevendo diverso materiale non sempre conforme alle loro necessità, pertanto ci chiedono di attenerci rigorosamente al modello che è stato da loro validato. E’ importante allora che le visiere siano stampate e realizzate utilizzando il file e le indicazioni riportate senza l’apporto di modifiche.

In un momento così delicato è fondamentale che ognuno dia il proprio contributo per aiutare il nostro Paese. Il nostro piccolo ed umile apporto è questo: visiere e mascherine delle quali stiamo studiando un prototipo realizzato da Wasp. 

L’augurio che faccio a a noi stessi e a tutti voi Makers è di riprendere al più presto ad occuparci di particolari meccanici, giochi, modelli e quant’altro la fantasia ci invita a stampare!

Vivien Sardo

SCARICA IL MODELLO STL DELLA VISIERA STAMPABILE IN PLA

visiera ospedale.stl

CENTO

0

Da una personale interpretazione delle figure geometriche di riferimento del Bauhaus – cerchio, triangolo e quadrato – la designer Valeria Eva Rossi progetta CENTO, ironico accessorio dal design minimalista, per personalizzare borse, zaini, cartelle, ecc.

CENTO è, inoltre, un tributo alla scuola del Bauhaus nel centenario della sua fondazione.

Il gadget CENTO è realizzato in PLA (Polimero dell’acido lattico) – dalle buone proprietà meccaniche e di biodegradabilità – con l’innovativa tecnica della stampa 3D, dalla nostra azienda LLS 3D, con sede in Torino.

Il nostro obiettivo è presentare CENTO all’interno di un contesto culturale rilevante come il vostro e al contempo accessibile al grande pubblico, per veicolare, con un oggetto apparentemente semplice, un importante messaggio di rilettura del passato, in chiave contemporanea e in modo sostenibile.

 

From the reinterpretation of the geometric figures, reference of the Bauhaus – circle, triangle and square – the designer Valeria Eva Rossi designs CENTO, an ironic gadget with a minimalist design, to customize bags, backpacks, folders, etc.

CENTO was born as a tribute to the Bauhaus school in the centenary of its foundation.

CENTO is made of PLA (Polymer of lactic acid) – with good mechanical and biodegradable properties- with the innovative 3D printing  technique by our company LLS 3D in Turin.

We would like to propose CENTO within a relevant cultural context like yours that is close and visible to people. Our goal is to bring, with an apparently simple object, the message that is possible reread the past in a modern way sustainably for the environment.

SOSTENIBILITÀ E INNOVAZIONE CON WASP E LA STAMPA 3D

0

Il mondo dell’architettura e dell’edilizia incontrano quello dell’innovazione tecnologica e della  sostenibilità con la stampa 3d. 

Tutto ciò grazie al programma Universitario OFT dello IAAC di Barcellona che, grazie alla collaborazione con WASP, ha aperto le porte a nuovi scenari costruttivi, che stanno cambiando il modo di costruire nell’edilizia. 

Obiettivo di questa fase di sperimentazione era elaborare concrete soluzioni progettuali per abitazioni sostenibili e a basso costo, anche perché la tecnologia 3D è sempre più considerata una strategia costruttiva praticabile, grazie allo sviluppo dei metodi di design in continua evoluzione.

Grazie alla tecnologia Crane Wasp è stato possibile prototipare una struttura portante in argilla e fibre di riso in scala 1:1 che rappresenta una porzione di muro dello spessore di 40 cm, con elementi lignei integrati, a supporto di una scala a sbalzo accuratamente studiata per ancorarsi alla parete.

Questa collaborazione ha portato ad un nuovo scenario dove, tramite i materiali naturali e la stampa 3d, si stanno aprendo nuove opportunità nel campo dell’architettura Bioclimatica.  

Il risultato, che è stato davvero interessante, ha potuto cosi definire vantaggi come:

  • Capacità di realizzare strutture portanti tramite la sola tecnologia di stampa 
  • Ottenere prestazioni Bioclimatiche ottimali e con il solo utilizzo di materiali naturali
  • Costruire abitazioni di qualsiasi forma e dimensione utilizzando terra e materiale di scarto proveniente dalla filiera agroalimentare, il tutto in maniera sostenibile, con un sistema che potrebbe contribuire ad affrontare la questione della crescente domanda mondiale di strutture abitative.